The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

16 marzo 2012

I Monti Sibillini

Dopo una notte tranquilla trascorsa appena fuori Assisi, siamo partiti alla volta dei Monti Sibillini passando per Foligno, Spoleto per arrivare a Norcia dove abbiamo vergognosamente comprato salame di cervo, salame al tartufo nero, coglioni di mulo (sia chiamano proprio così, ma sono salame di maiale a forma pressoché ovale) e formaggio pecorino.
Poi un circuito ad anello di notevole interesse paesaggistico e ancora punteggiato dalla neve, ci ha fato risalire lungo la strada che giunge a oltre 1500 metri per poi scendere ai circa 1350 dell’altopiano Pian Grande, una grande distesa in questa stagione brulla ma che all’inizio dell’estate si tinge di rosso e di giallo con i fiori delle varie colture che il suolo particolare di questa zona favorisce.
Un paesaggio insolito che si avvicina di più a qualche angolo del Marocco piuttosto che ai tipici paesaggi della nostra penisola.
A Castelluccio, un paesino appollaiato sulla cima di un rilievo che si innalza al di sopra dell’altopiano, alla mattina quasi sempre immerso nella nebbia, abbiamo mangiato in una locanda il cui menù offriva la tipica ed eccellente zuppa di lenticchie, pappardelle al sugo di cinghiale e una grigliata mista.
Il ritorno ha toccato Visso, Preci e l’Abbazia di Sant’Eutizio in Valcastoriana, avvolta da una pace e un silenzio invidiabili in questa stagione lontana dalle folle.
Un clima ormai primaverile, il sole e un cielo sempre azzurro accompagnano i nostri giorni.
NUOVO MINIVIDEO: Pian Grande, Castelluccio, Norcia - Monti Sibillini



Norcia


Qui si spara ad ogni cosa che si muove!


Il Pian Grande e, lontano in cima a un rilievo, Castelluccio


Il Wanderer percorre la strada che attraversa il Pian Grande,
più simile ad un deserto del Marocco che a un paesaggio italiano!


Il Pian Grande visto da Castelluccio




La tranquilla Abbazia di Sant'Eutizio in Valcastoriana


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti
Altri link dell’autore:
Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:
La pittura:
Le foto di “pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:
I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento