The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

22 febbraio 2013

Nevicate, alluvioni, eruzioni vulcaniche e... sole!


La fortuna e la nostra frequentazione dei satelliti meteo ci hanno assistito.
Mentre il nord è battuto da bianche, suggestive – ma non sempre comode -  nevicate, e il sud è funestato da copiose piogge – Catania alluvionata con fiumi di acqua per le strade – l’Etna si è ulteriormente arrabbiato, svegliandosi e forse offendendosi per la nostra partenza… J
Rispettabili colate laviche hanno illuminato la notte e “incendiato” la montagna, ed esplosioni con boati di tutto rispetto hanno scagliato sabbia, cenere e lapilli sull’area circostante, raggiungendo paesi non lontani da Giardini Naxos.
Guardando l’Italia dall’alto, con il magico occhio dei satelliti meteo, in quel momento noi ci trovavamo nell’unica striscia di poche centinaia di chilometri libera dalle nuvole. Il movimento delle due perturbazioni, spinte dal vento come se fossero due ingranaggi che non volessero avvicinarsi, manteneva gli Abruzzi, il Molise, parte delle Marche e del Lazio sotto un cielo azzurro senza nuvole con uno splendido sole.
Allora noi ce la siamo presa comoda, soffermandoci prima in Puglia, a Bari e poi negli Abruzzi, camminando lungo la spiaggia per goderci i trabucchi, le curiose e fotogeniche costruzioni adibite alla pesca, tipiche di questi litorali.
La neve, che inevitabilmente incontreremo a Nord, può aspettare.
 
 
Un vicolo di Bari vecchia

 
La Basilica di San Nicola


 
Uno dei tanti trabucchi lungo la costa abruzzese




 
 
Intanto a Bergamo... (foto dal web)
 
 
... e a Catania (foto dal web)
 
 
E l'Etna per finire in bellezza! (foto dal web)
 
 
 
 
Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti
Altri link dell’autore:
 
Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:
La pittura:
Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:
I libri pubblicati:
 
 
 
 

2 commenti:

  1. giusto pochi minuti fa ho visto un camper con questo indirizzo (il vostro?) sopra sulla costa marchigiana :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beccati....! Ebbene si, lasciate le Marche siamo appena giunti in Romagna dove la neve è abbondante! E tu che fai di bello da quelle parti?

      Elimina