The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

25 agosto 2014

Sydney

     Grazie all’ospitalita’ dell’amico Joe, Sydney e’ stata una piacevole parentesi di undici giorni in questi mesi di vita australiana che sto trascorrendo ad Hervey Bay. Ecco qualche foto per ricordarne le atmosfere.
     Altre centinaia di immagini le potete trovare nel mio spazio in Facebook. Le condizioni in cui mi trovo ad operare in rete non mi permettono di fare cio’ che vorrei e quindi sono costretto a trascurare il blog. Voglio mandare comunque un saluto e un abbraccio a tutti quelli che mi seguono con affetto da tanti anni.


Opera House, Sydney


Chitarra aborigena


Queen Victoria Building, Sydney


Circular Quai, Sydney


Nuova e antica navigazione



Harbour Bridge, Sydney


Sydney vista da Watson Bay


I fiori di Sydney


Toccare le nuvole



Matrimoni in ogni angolo della citta'...



L'Opera House vista dall'Harbour Bridge



Atmosfere serali e notturne



Arte aborigena all'Art Gallery








Nessun commento:

Posta un commento