The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

22 aprile 2015

La prigione della privacy

Non amo questa imperante necessità di privacy.
Pare un’ennesima ossessione, una mania, una moda, un'ulteriore dimostrazione della paura globale in cui molti vivono. Se non si ha nulla da nascondere perché non essere diretti, trasparenti, visibili, chiari nella comunicazione?
Perché non prendere posizioni, schierarsi con chi si stima, affermare i propri ideali, sostenere i più deboli, difendere le proprie opinioni rispettando quelle degli altri?
Le persone troppo riservate che non prendono mai una posizione, che vogliono tenere nascoste (nella privacy) le proprie azioni e idee, che non esprimono le proprie opinioni pubblicamente di fronte al mondo, a me fanno sorgere qualche dubbio.
O sono molto timide e insicure (rispettabilissime ma questo non è il caso di cui parlo), o hanno qualcosa da nascondere di cui non sono fiere e che non sanno sostenere?
Persone che vivono sulla difensiva in un mare di timori e paure, o personaggi che vivono tramando e tessendo ragnatele nell’oscurità (della privacy)? Quelle che non ti dicono in faccia ciò che pensano e poi ti parlano alle spalle, amanti del pettegolezzo quali sono?
E credo siano anche quelli che in Facebook guardano molto e partecipano poco, guardando la vita degli altri dal buco della serratura della "prigione" (di privacy) in cui sono rinchiusi dentro.
Ragazzi: al diavolo la privacy dietro la quale troppi si nascondono! J





Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente-
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento