The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

9 settembre 2015

La ferrata Sasse: bellissima avventura lungo il Lago d’Idro

Un’altra bellissima giornata, un’altra bella sorpresa al Lago d’Idro che conoscevo poco e superficialmente: la bellezza del lago, la Ferrata di Sasse e il Sentiero dei Contrabbandieri hanno fatto della giornata di oggi una grande giornata.
Tecnicamente il percorso non è così difficile e faticoso come quelli che ho descritto nei giorni precedenti, e il paesaggio circostante con gli scorci sul lago e i monti viene ulteriormente impreziosito.
Anche oggi, come non molti giorni fa, sono arrivato a contatto con gli operatori del Soccorso Alpino che cercavano un uomo tedesco sui settant’anni che era disperso da ieri lungo questi sentieri. Molti uomini, l’ausilio dei cani e di un elicottero hanno permesso di ritrovarlo ancora vivo, non so in quali esatte condizioni.
La montagna non scherza e bisogna averne un profondo rispetto.
Quasi solamente olandesi e tedeschi si godono questi paesaggi nell’ultimo scampolo di estate italiana.


Nei seguenti link i mini video:


Farfalle, la vita è un giorno 
(la scrissi per un mio quadro tempo fa e la voglio riproporre per questa foto)

VIVERE UN GIORNO.
UN BATTITO D’ALI NEL CIELO AZZURRO ILLUMINATO DAL SOLE.
VIVERE UN GIORNO.
COLORATI E GIOIOSI, DISSETATI DI FIORE IN FIORE.
VIVERE UN GIORNO.
CONSAPEVOLI DEL PRESENTE,
INCOSCIENTI DELLA FINE.
VIVERE UN GIORNO,
COME SE FOSSE PER SEMPRE,
COME SE FOSSE L’UNICO,
COME SE FOSSE L’ULTIMO.
LA VITA E’ UN GIORNO, LA VITA E’ UN LAMPO.
SIAMO FARFALLE CHE VIVONO UN GIORNO.


La bellezza del Lago d’Idro


Qualche informazione sulla Ferrata Sasse
(cliccare sulla foto per ingrandirla)


Moltissime farfalle in questa stagione a queste latitudini


Dove si sviluppa la Ferrata Sasse (in rosso) e il sentiero 
dei Contrabbandieri (in nero, la parte bassa)




Qualche passaggio “tecnico” lungo la Ferrata Sasse
non particolarmente impegnativa.


Una dei tratti facili e all’altezza del lago



E dopo il ponte una bella parete da risalire








Qualche informazione sulla Ferrata Sasse (cliccare sulla foto per ingrandirla):
in realtà si percorre in un paio d’ore più un’ora abbondante
di ritorno lungo il sovrastante Sentiero dei Contrabbandieri


I paesaggi che si godono dal Sentiero dei  
Contrabbandieri utilizzato per il ritorno



Qualche interessante informazione (cliccare sulla foto per ingrandirla)
sul Sentiero dei Contrabbandieri, 
un tempo situato tra il confine italo austriaco



Più che dei Contrabbandieri questo è il sentiero dei ciclamini!
Presenti in grande quantità oggi!



Suggestive immagini lungo il lago d’Idro



La Vespa, insieme al Wanderer,
è la mia immancabile compagna di viaggio

Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente.
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:



Nessun commento:

Posta un commento