The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

12 dicembre 2010

Persi nel tramonto sull’Appenino

      Dopo aver respirato il sole nella Pianura Padana ieri ci siamo letteralmente persi sull’Appennino Tosco Emiliano. Il navigatore, anzi la navigatrice (visto che abbiamo inserito la voce di Sara), ci ha condotto per stradine sconosciute lontane per scelta dalle autostrade, ma anche per l’inesperienza del sottoscritto nell’utilizzo dell’ “istrumento”. Così abbiamo scoperto angoli che altrimenti mai avremmo visto e contemplato un tramonto incantato proprio in cima all’Appennino nei pressi di Savigno, a sud di Modena e Bologna. Ne valeva la pena.
      Oggi ci siamo svegliati a Pistoia e le daremo un’occhiata prima di andare verso Firenze o Arezzo, o Montichiello e la Val d’Orcia o Roma, o Napoli… Chi può dirlo?! Quanto è bello decidere le cose quando ti pare!
(chi vuol vedere altre fotografie ci chieda amicizia su Facebook al mio nome Eliseo Oberti)

Tramonto sull'Appennino

Nessun commento:

Posta un commento