The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

25 gennaio 2011

Il Wanderer in restauro

Oggi il Wanderer verrà accudito e restaurato in seguito al tamponamento subito durante il ritorno verso Bergamo.
Contiamo sul fatto che Maurizio & C. di Camper Valtesse lo trattino con rispetto e affetto, e che ce lo possano restituire come nuovo entro sera: noi Gentleman Gipsies ci vorremmo dormire, visto che il Wanderer è ormai casa nostra.
Venerdì, se tutto va bene, ritorneremo al Consolato del Marocco a Milano, dove speriamo di ritirare il visto per il Marocco di cui Sara ha bisogno. Fatto questo credo che partiremo direttamente in direzione Africa.
Da queste parti sta per tornare la neve!

P.s.: a bombole piene nessun problema al GPL anche a 4/5 gradi sottozero, con le favolose bombole di alluminio avvolte da caldi stracci di lana…




Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento