The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

12 gennaio 2011

Perle del Gargano

Vieste e Peschici sono due perle del Gargano.
Nel primo dei due borghi, in questa stagione turisticamente morta, ci siamo goduti da soli gli angoli del centro storico e la spiaggia Scialara dove si erge il Pizzomunno, il monolite e la sua leggenda.
Non c’era anima viva: nemmeno le cinque file di ombrelloni e le migliaia di persone chiassose che ci sono durante l’estate. Pare che un paesino come Peschici, di circa quattromila abitanti, durante la stagione estiva arrivi a raggiungere le trentamila presenze, e così tanti altri centri del Gargano. In inverno non c’è la vita intensa e il caldo sulle spiagge (13 gradi), ma si recupera una dimensione più piacevole degli spazi e fotograficamente ci sono meno disturbi.
Purtroppo in questa stagione non vengono effettuate le gite in barca lungo la costa che permetterebbero di apprezzare ancor di più le bellezze paesaggistiche viste dal mare.
Vieste e Peschici (per ora esplorata solo by night) sono incantevoli.
Il Wanderer scarseggia di acqua in queste zone sprovviste di camper service liberi e, in questa stagione, persino a pagamento. La gentilezza dei negozianti locali, premurosi e ricchi d’informazioni, ci offre la possibilità di riempire la nostra tanica di venti litri e mantenerci una scorta d’acqua sufficiente.
La sosta libera in questa stagione è meravigliosamente facile e possibile anche nell’immediate vicinanze dei centri storici, con offerta di ampi parcheggi liberi e gratuiti. D’estate non è proprio così: pare che si circoli a fatica, persino a piedi, e ci si scorda di trovare parcheggio.
La vita in camper deve essere dura in quei mesi da queste parti, possibile soltanto a pagamento nei campeggi e nei villaggi, presenti a decine e tutti rigidamente chiusi in questo periodo.
Sara ha saltato parecchio di gioia, raccogliendo conchiglie sulla spiaggia.


Vieste


Il Pizzomunno sulla spiaggia Scialara di Vieste


La strada tra Vieste e Peschici


Spiaggia Scialara a Vieste


Salto di gioia al Pizzomunno


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento