The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

26 marzo 2011

Moulay Idriss, città santa, e Volubilis, città di Roma

Eccoci a Fes, ultima delle città imperiali che visitiamo, dopo una giornata trascorsa a Moulay Idriss, la pittoresca bianca città santa un tempo chiusa ai non musulmani, una delle mete di pellegrinaggio più importanti di tutto il Marocco. Prende il nome da Moulay Idriss, il santo più venerato di tutto il paese, pronipote del profeta Maometto e fondatore della prima dinastia reale.
Le rovine romane di Volubilis sorgono in un verde e fertile pianura a due passi da Moulay Idriss, e si tratta del sito archeologico meglio conservato del Marocco, con i suoi interessanti mosaici.
Nel pomeriggio siamo arrivati a Fes nel camping Le Diamant Vert, un bel parco-giardino ombreggiato da grandi alberi.

Moulay Idriss




Volubilis




Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento