The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

24 marzo 2011

Le rondini di Meknes

Il volo delle rondini a Meknes – velocissime e di notevoli dimensioni - ci ha accompagnato in questa intensa giornata, unitamente alle moltissime cicogne che volano nel cielo e gli aironi bianchi. Un traffico nell’aria che non corrisponde a quello di terra, fortunatamente accettabile in questa città imperiale che non è capitale come Rabat, non è caotica e turistica come Marrakech e non possiede una medina famosa come Fes.
Noi abbiamo apprezzato le sue dimensioni tranquille, le viuzze della medina e dei souq, i maestosi e decorati edifici che rispecchiano la sua antica funzione di sultanato del Marocco.
A piedi e sulle ali della Vespa abbiamo ben utilizzato l’intera giornata per vedere tutto ciò che c’era da vedere, senza rinunciare a un pranzo eccellente al ristorante Mille et Une Nuit situato all’interno di una meravigliosa casa tradizionale in stile tipico.

Il Mausoleo di Moulay Ismail




Koubbat as-Sufara






Heri es-Suoani


Vicolo della medina di Meknes


Place el-Hedim


I colori del Ristorante Mille et Une Nuits




La Medersa Bou Inania


Il minareto della Grande Mosquée visto dai tetti
della Medersa Bou Inania



Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento