The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

6 aprile 2011

Il vento del Rif

Ieri un altro giorno “in casa”, non per la pioggia ma a causa di un forte vento con raffiche di 50/60 chilometri orari, o forse più, che per l’intera giornata hanno percosso e fatto sussultare il Wanderer, scagliandogli contro polvere, rami secchi e pigne che si staccavano dagli alberi circostanti. Il vento e la strana luce nel cielo plumbeo hanno fatto preoccupare i gestori del camping e altri camperisti che consigliavano di spostarsi con i mezzi sul lato del terreno lontano dagli alberi per non rischiare che qualche grosso ramo o un intero albero si abbattessero sui di noi. Senza subire danni e con fiducia nella forza e nell’elasticità degli alberi che non ci hanno tradito, siamo rimasti dove eravamo ben sistemati scoprendo solo la mattina seguente che circa dieci grossi alberi erano stati sradicati dal vento provocando danni al piccolo ristorante del camping e fortunatamente a null’altro.
Se al momento del suggerimento i gestori del camping ci avessero informati di alberi già caduti, ci saremmo sicuramente spostati anche noi… J
Anche questa volta siamo stati baciati dalla fortuna.

Il ristorante danneggiato del Camping Azilan





Questo grosso albero si è abbattuto in direzione del Wanderer
Giungendo solo dieci metri da noi…

Wanderer, uno dei pochi mezzi rimasti sul lato pericoloso…
La mia perplessità e sollievo la mattina seguente

Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento