The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

2 luglio 2011

Aggiornamenti, black out permettendo


Altro stop di Vodafone Espana durato fino ad oggi, nella speranza che abbiano definitivamente risolto il problema e che rimborsino i 10 giorni di non utilizzo.
L’inverter nuovo sembra funzionare (per ora). I mercatini vanno e vengono, nel senso che un giorno si vende poco, un altro quasi nulla, e un altro ancora si può arrivare fino a 80/100 euro. Per questa irregolarità per ora la media degli incassi resta comunque insoddisfacente.
Luglio è iniziato e i voli in arrivo all’aeroporto di Màlaga sembra saranno numerosissimi. A noi serve molta gente che passeggi per il paseo maritimo, e serve soprattutto gente che ha qualche soldo da spendere: la crisi globale si sente e il turismo da queste parti è povero.
Il parking dove abitiamo, con annessi bagni e docce sulla spiaggia, sarà probabilmente inutilizzabile per due settimane - occupato da una festa del quartiere - creandoci non pochi problemi logistici per raggiungere la nostra posizione di mercato. Oggi ho esplorato in Vespa le vie interne di un rione grazioso di villette e ho individuato qualche possibile area di sosta alternativa, sia pure senza tutte le comodità e i servizi che abbiamo qui.
Non avremo molte altre avventure da raccontare per i prossimi due mesi, a meno che non si decida di spostarci da qualche altra parte a causa degli scarsi risultati di mercato. A Màlaga sperimenteremo ancora per 7/10 giorni e poi decideremo.

Màlaga

Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento