The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

11 settembre 2011

Bergamo City, Italy

        Troviamo una Bergamo calda a 28 gradi umidi di giorno e molto fresca di notte (dieci gradi in meno). Provvediamo a lavare i vestiti, a farci una bella doccia, lo scarico e il carico dell'acqua, a telefonare ad amici e parenti, alle prenotazioni per le riparazioni e i tagliandi dei mezzi e del computer. Ci vorrano soldi, sempre troppi. Avevamo urgente necessità di rilassarci e durante la passeggiata serale al meraviglioso tramonto abbiamo recuperato le energie. Città Alta, soffusamente illuminata, ci ha accolto con Piazza vecchia arredata come un giardino in occasione di un meeting internazionale per il paesaggio.
        Tra Italia, Francia, Spagna e Marocco abbiamo fatto  più di 25.300 chilometri, di cui oltre 7.000 in sella all'amata Vespa.
        Venti giorni per riposarci (per modo di dire...) e poi si riparte.

Bergamo, il tramonto di benvenuto

Bella giornata sul lago d'Iseo con Cristiane, Luca e Rafael 

Nessun commento:

Posta un commento