The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

26 ottobre 2011

Cabo Sao Vicente e Punta Sagres

Da un mercoledì dalle nere previsioni meteo, concretizzatesi quasi del tutto, siamo riusciti a strappare una mattinata decente senza pioggia e con qualche raggio di sole verso Cabo Sao Vicente, un’altra estremità europea del Portogallo, la più sud occidentale, terra battuta dai venti e dall’oceano, con le imponenti scogliere a picco sull’Atlantico.
Dopo una sbirciata alla bianca fortezza di Punta Sagres abbiamo raggiunto Lagos con gli ultimi raggi del sole, subito sommersi da nuvole nere, vento incessante e pioggia battente.
Fermata logistica nella quasi ottima nuova area attrezzata di Lagos, se non fosse che l’acqua è a gettone (solo 1,50 euro) e i gettoni sono reperibili presso uffici vari del comune di Lagos. Ma non potevano farla a moneta? A volte il cervello umano ci meraviglia nel suo complesso funzionamento… J


Cabo Sao Vicente


 
Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti





Nessun commento:

Posta un commento