The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

9 gennaio 2012

AAA Lavoro sperasi

O meglio: AAA Lavoro cercasi. Zona geografica: tutto il pianeta Terra. Caratteristiche: dignità di trattamento e retribuzione.
Utopia? Nel moderno mondo dell’anno 2012 pare proprio di si.
Dai vari contatti in Sardegna non giungono notizie e noi non so se andremo nella bella isola facendo un salto nel buio per avere uno spazio in qualche mercatino spendendo una cifra di traghetto e di gasolio. Alternative oggi come oggi non ne vediamo e decideremo qualcosa una volta raggiunta Malaga dove l’assicurazione della Vespa ci spedirà (speriamo) i nuovi documenti presso l’indirizzo di Tony, il collega di mercatini sul lungomare di Malaga durante la scorsa estate. Ci piacerebbe andare in qualche altro stato europeo alla ricerca di spazio nei mercatini ma le energie per battagliare contro la burocrazia in lingue differenti non sono molte al momento… Avremmo bisogno di contatti preliminari che non arrivano. Forse giocheremo qualche carta in Italia, presso qualche riviera turistico balnearia che durante l’estate è ancora ben frequentata da chi si può permettere una vacanza nonostante la crisi. Vedremo. Nel frattempo siamo aperti a qualsiasi proposta di lavoro per la prossima estate. Chissà che qualche bella notizia non ci arrivi dal Web! J
Intanto ci godiamo ancora qualche tramonto in Marocco.

Tramonto al camping Relais de Marrakech






Non è un angolino incantevole?
E' accanto al cancello di entrata del Relais de Marrakech


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento