The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

13 gennaio 2012

Ifrane e la strada per Chefchaouen

Ifrane, nella sua singolarità, non ha deluso. In questa stagione è poco frequentata e sonnacchiosa ma con un suo fascino così differente da tutto il resto del Marocco. In più il circuito dei laghi, poco fuori dalla cittadina, offre paesaggi alquanto rilassanti.
Viste che le previsioni meteo che per i primi giorni della settimana prossima danno pioggia in buona parte del nord del Marocco, abbiamo deciso di non fermarci a Fes (già visitata nel viaggio precedente), per raggiungere direttamente Chefchaouen, la città azzurra che tanto ci è piaciuta la scorsa volta, e godercela, speriamo, con ancora qualche giorno di sole. Lunga, lenta e serpeggiante la strada che raggiunge i monti del Rif, attraversando le lugubri aree dove si coltiva estensivamente l’hashish, mentre loschi individui lungo tutto il percorso invitano insistentemente a fermarsi per comprare la loro merce fumosa. Addirittura ci inseguivano in auto superandoci più volte, insistendo che ci fermassimo quasi fosse strano per loro che esistesse qualcuno non interessato a fumarsi droghe leggere.
Ketama, fra tutte le cittadine dell’area, è il luogo forse più squallido e brutto che abbiamo mai incontrato in questo paese: un posto lasciato a sé stesso, probabilmente dimenticato dalle autorità e in mano ai produttori e agli spacciatori di droga. Non viene nemmeno voglia di fermarsi a fare gasolio in un posto come quello!
Abbiamo raggiunto Chefchaouen in serata abbastanza stremati dalla guida notturna su strade che già con la luce non sono facili da percorrere.
Bellissimi i paesaggi di questa parte del Marocco così verde rispetto ai deserti del sud.

Ifrane, la Svizzera del Marocco



Le cicogne popolano i tetti di Ifrane


Il rilassante circuito dei laghi nei pressi di Ifrane




Un coperta stesa ad asciugare


I verdi paesaggi del nord del Marocco




Striscia d'asfalto








Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti







Nessun commento:

Posta un commento