The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

13 giugno 2012

Capolinea Bergamo: pausa di riflessione

Cambio di programma. Abbiamo lasciato Arezzo, la sua amichevolezza, i nostri amici e le non troppo entusiasmanti aspettative relative ai mercatini, per raggiungere precipitosamente Bergamo e tentare di risolvere i soliti problemi che ci avviluppano. Pioggia e maltempo ci hanno tenuto piuttosto bloccati ed ora con il sole speriamo di uscire dalla nostra tana e dalle nostre personali nebbie per affrontare i problemi che qui sono nati e che qui vanno risolti.
Non è il caso di tediarvi troppo e quindi il blog probabilmente si prenderà un periodo di pausa e di riflessione.
Qui non si tratta solo di trovare una formula che permetta la sopravvivenza della nostra esperienza itinerante, ma anche della nostra stessa sopravvivenza materiale e ben altro ancora.


Bergamo (foto dal web)


Bergamo questa mattina finalmente con il sole



Nessun commento:

Posta un commento