The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

31 marzo 2014

Torino, Superga e il Po


Dopo una mattina al Museo dell’Automobile, in sella alla Vespa sono risalito sulla sommità della collina ove si trova la Basilica di Superga, dimora delle tombe reali e luogo dove avvenne la tragedia del grande Torino: una lapide è posta proprio nel luogo della schianto (avvenuto nel 1949 se non erro) dell’aereo sui cui si trovavano i calciatori di una della squadre di calcio più forti di sempre.
Le tombe di re, regine e di altri membri della famiglia reale non mi hanno commosso ad essere sincero. La vista dalla collina non è stata ottimale a causa di una fitta foschia che a malapena permetteva di ammirare le cime innevate delle Alpi.
Per terminare la giornata, un giro in battello sul Po, il fiume italiano per antonomasia.


La Basilica di Superga


Le Tombe dei Savoia


Casa navigante sul Po, niente male.... :-)


Il fiume Po


Il Borgo Medievale visto dal fiume


La Rocca

Nessun commento:

Posta un commento