The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

1 gennaio 2015

Resisti, respira, vivi

Su un muro a poca distanza dal Wanderer ho scoperto oggi queste parole che potrebbero essere senz'altro uno dei propositi per l’anno nuovo (ma forse lo erano già state anche nell’anno appena concluso…), considerate le condizioni generali in cui sono immerso.
Dopo una serata in piacevole compagnia di Pier, Amelia, Alberto e Tullia, oggi, vista la mia gola provata dal freddo patito ieri in moto, mi sono limitato ad una passeggiata a Imperia avvolto nel tepore del sole. Partendo da Porto Maurizio, attraverso il parco urbano, sono giunto a esplorare Oneglia, l’altra parte della città che forma Imperia, che finora avevo un po’ trascurato.
Bella la Calata Cuneo bordata di barche e case colorate. Due passi lungo le banchine del porto rivelano sempre barche affascinanti che stuzzicano i miei ricordi di attraversata oceanica e la voglia di lavorare e passare ancora dei mesi su una di queste imbarcazioni, se mai fosse possibile.
Chissà.

P.s.: visto il buon numero di visualizzazioni che rilevo su questo blog (almeno un centinaio negli ultimi due giorni), vi confido che non mi dispiacerebbe avere qualche interazione maggiore con chi mi segue dall'Italia e anche da altri paesi (ultimamente sono aumentate di molto le visualizzazioni dagli Stati Uniti), e questo sito del resto dà spazio ai commenti.
Dai, su, non limitatevi sempre e solo al puro voyeurismo! :-) Buon anno a tutti voi! 



Un dei propositi anche per il nuovo anno! :-)


Il parco urbano di Imperia


La Calata Cuneo ad Oneglia, Imperia






Barche per salpare...



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:



Nessun commento:

Posta un commento