The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

1 settembre 2015

Rifugio Coca e Rifugio Curò: una giornata intensa tra elicotteri (del Soccorso Alpino), stambecchi e marmotte

Per la seconda volta negli ultimi due/tre anni, visto che il mio ginocchio, dopo alcuni mesi di problemi a un legamento, sembra essere tornato in buona forma, ho affrontato la risalita verso il Rifugio Coca, una camminata di 2,5 (per me anche 3) ore con un dislivello di quasi  1000 metri. Non contento sono andato verso il Rifugio Curò, altre tre ore con altri dislivelli, per poi tornare aggiungendo altre due ore di cammino. In totale sono stato in giro per undici ore (di cui almeno 8 di pura marcia), rientrando al buio e utilizzando per l’ultima mezz’ora la luce del display del mio telefonino per illuminare il sentiero ormai piuttosto invisibile.
L’intensità di questa giornata è stata accentuata da un incidente accorso ad una ragazza lungo il sentiero per il Rifugio Coca: una brutta caduta di alcuni metri ha provocato a Valeria un taglio alla testa e l’impossibilità di rientrare camminando per il sentiero. L’elicottero del Soccorso Alpino è giunto in tempi brevi e il loro intervento è stato impeccabile. Auguro di cuore a Valeria che tutto sia andato per il meglio.
Nei link seguenti qualche immagine video dell’operazione di soccorso:
Recupero di Valeria con operatore
Arrivo dell’elicottero
Recupero di secondo operatore
Recupero di terzo operatore

La giornata è proseguita: dopo essermi rifocillato al Rifugio Coca, un bel nido d’aquile, sul sentiero verso il Rifugio Curò ho incontrato un branco di sette stambecchi (v. video https://www.youtube.com/watch?v=EjUa6sYMuSw ) che, pur rimanendo alla debita distanza di 10/20 metri, non sono fuggiti subito via. Bellissimi! Come le graziose marmotte che mi aspettavano curiose e fischianti tra i massi lungo il sentiero poco più avanti. E non è finita qui: dopo un po’ di pioggia è tornato il sole mentre scendevo verso il lago artificiale del Barbellino, illuminandolo di una luce preziosa. Giunto sotto la diga, ho notato dei puntini che si muovevano lungo la parete quasi verticale di cemento. Erano altri stambecchi: ben nove esemplari che si inerpicavano con sicurezza sulla parete scivolosa per l’acqua che usciva da alcuni fori e leccando golosamente il salnitro, di loro gradimento, sostanza pare necessaria al loro organismo ( vedi video https://www.youtube.com/watch?v=xoXrVVuhlDE, https://www.youtube.com/watch?v=jjhL8011Wvs ).
Mi sono avvicinato per fotografarli e filmarli: rimanevano abbastanza tranquilli, entro una certa distanza, forse sapendo che nessun essere umano poteva essere in grado di inerpicarsi come loro su quella parete quasi verticale di cemento!
Una bella giornata di emozioni, paesaggi e incontri.
Ci sarà un altro Pianeta come il nostro? Con la stessa aria buona (almeno in montagna…) da respirare? Con la stessa deliziosa acqua da bere? Con paesaggi ed esseri animali di pari fascino da incontrare? Se si, mi piacerebbe esplorarlo. Ma per ora mi godo questo di Pianeta.


Arrivano i soccorsi per Valeria

Vedi minivideo dell'operazione di soccorso
nei seguenti link di Gentleman Gipsy in You Tube:

Recupero di Valeria e un operatore
Arrivo dell'elicottero
Recupero di un operatore
Recupero dell'ultimo operatore del soccorso




Rifugio Coca



Rifugio Coca (piccolissimo a destra) e sotto Valbondione


Stambecchi sopra il Lago del Barbellino



Vedi il minivideo di questi stambecchi:



La Diga  del Barbellino



Gli stambecchi arrampicati quasi in verticale sul muro della diga

Vedi i minivideo di questi stambecchi sulla diga:










Il Lago del Barbellino



Il Sentiero del Curò


Le cascate del Serio


Rientro al buio!



Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente.
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento