The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

12 maggio 2017

Burj Khalifa, a proposito di grattacieli

È la più alta struttura mai realizzata dall'uomo, 829,8 metri e il peso dichiarato di centomila elefanti. La sua costruzione fu cominciata nel 2004 e completata nel 2009, ed è stata ufficialmente aperta al pubblico nel 2010.
Tra i vari record che detiene?
L'edificio con più piani: 163;
Gli ascensori più alti e più veloci al mondo: 18 m/s (64 km/h);
La piattaforma d'osservazione esterna più alta al mondo;
L'installazione in alluminio e vetro più alta al mondo, a 512 m.
La pianta dell'edificio è ispirata alla forma di un fiore di Hymenocallis. Si tratta di un genere di piante diffuso anche a Dubai, dove è particolarmente popolare. La torre presenta una struttura composta da tre elementi con un nucleo centrale. Sulla Burj Khalifa sono presenti 27 terrazze che culminano con l'antenna, con una disposizione crescente atta a ricordare la forma di una spirale.
La spettacolare Fontana di Dubai (v. link sottostanti relativi al sontuoso spettacolo gratuito di suoni e luci), si trova all'esterno della Burj Khalifa, ha avuto un un costo di 217 milioni di dollari, e consiste in un sistema di fontane da record progettato dalla compagnia responsabile della costruzione della fontana dell'Hotel Bellagio di Las Vegas.
Illuminate da 6.600 luci e 50 proiettori colorati, le fontane si estendono per 275 m e riescono a sparare verso il cielo getti d'acqua alti 150 m, accompagnati da musiche arabe classiche o musiche internazionali.
Tanto di cappello, niente da dire.
Anche qui magnificenza e enormi ricchezze dispiegate. Un bel business in realtà: la salita al 148° piano di Burj Khalifa mi è costata circa 130 euro: di questo passo in qualche anno, vista l’affluenza, il grattacielo se lo ripagano di sicuro… J
Stamane (in compagnia del bimbo dagli occhi blu e la sua famiglia) invece io ho baciato e abbracciato Alice un bellissimo esemplare di delfino dalla pelle liscia e morbidissima. In mancanza d’altro... J

Ribadisco, come ho sempre scritto, che li animali li preferisco di gran lunga liberi in natura.

Ulteriori informazioni su Burj Khalifa:



Video dello spettacolo luci e suoni Dubai Fountain:




La laguna dei delfini


Alice, una bellissina Bottlenose Dolphin
Quanto mi piacerebbe vederla libera...



Golden Souk


Alla ricerca dei guiness...


Burj Khalifa, 148° piano










125° piano





Un particolare della struttura alla base
Tutto alluminio pare.














Nella mia vita sono alito su quattro di questi edifici:
Empire State Building, Petronas Tower, CN Tower
e adesso Burj Khalifa! :-)



Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente.
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento