The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

15 dicembre 2010

Le ali sotto i piedi, ghiacciate

 
        Ieri altra bella giornata di sole a Firenze, errando per le fastose stanze granducali di Palazzo Pitti, i suoi capolavori d’arte, le sue mostre temporanee (Il Caravaggio e Antonio Ligabue) e i verdeggianti giardini di Boboli. Per finire in bellezza un ottimo pranzo con Francesca e Andrea, amici e favolosi squatters, in tipica trattoria fiorentina, e cena nel loro “loft” toscano abbracciati alla stufa per riscaldare il sangue ormai congelato. E’ arrivato il freddo anche qui!
        Il ritorno in camper con la mitica Vespa “ali sotto i piedi” ci ha riportato nelle ossa temperature polari e anche ghiacciato un po’ le ali.
        Ma ormai il volo è spiccato.
Spiccare il volo


Il fuoco e il calore di Francesca e Andrea

Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento