The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

28 gennaio 2011

Partiti!

Il Consolato del Marocco a Milano ci ha stupito con effetti speciali: la mattina del ritiro hanno telefonato per chiedere quale data di ingresso nel loro Paese apporre sul visto. La durata dei tre mesi in Africa parte dal 31 gennaio e scadrà il 1 maggio.
Non appena entrati al Consolato, circondati dalla moltitudine di marocchini, siamo stati interpellati da un presunto addetto e accompagnati da un altro alla cassa dove ci è stato immediatamente consegnato il passaporto di Sara con l’agognato visto (20 euro cash).
Felici e contenti per l’efficienza e la puntualità non dimostrate la settimana precedente dai dipendenti del consolato, siamo partiti nel primo pomeriggio dal capoluogo lombardo, attraversando le pianure verso Genova che sembravano una savana gialla bruciata dalla siccità.
Abbiamo salutato il Po, fiume simbolo della Patria e, in autostrade troppo costose ma comode, abbiamo raggiunto la riviera mite e soleggiata costeggiandola fino al confine invisibile (zero posti di dogana e nessun controllo di documenti nell’Europa comunitaria) con la Francia.
Forti raffiche di vento laterale hanno messo a dura prova la mia guida del Wanderer lungo buona parte della costa ligure.
Il Paese di Giovanna d’Arco e Carla Bruni (accostamento azzardato J) ci ha accolto con un tramonto variopinto e traffico intenso intorno a Nizza.
Nel buio sopraggiunto abbiamo guidato oltre la città che ha dato i natali a Garibaldi (se la memoria non ci inganna) uscendo dall’area urbana. Una volta giunti sulle colline alle spalle di Antibes, dopo aver percorso 435 chilometri, abbiamo abbandonato la costosissima autoroute francese (ogni pochi chilometri ti spillano 4 euro) e dopo qualche chilometro lungo una buia strada tra le colline in direzione di non so dove, abbiamo trovato una solitaria area di parcheggio ai bordi di un grazioso lago scoperto la mattina. Il navigatore ci ha localizzato nei pressi di Mountauroux, nel’Esterel.
Un po’ isolati forse ma è meglio delle aree di servizio autostradali di queste parti, famose per i furti ai camperisti addormentati con i gas narcotizzanti.




Tramonto on the road in Italia


Sara salta di nuovo!


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti


Nessun commento:

Posta un commento