The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

9 febbraio 2011

El-Jadida, giorni di recupero

Ieri, in questa città dall’impronta lievemente più turistica, oltre ad aver fatto le pulizie "di fino" dentro il Wanderer, abbiamo portato l’ormai pesante sacca dei vestiti da lavare in una caratteristica lavanderia-stireria del centro, situata in una stretta viuzza del souq, proprio di fronte alla Cité Portugaise, e la ritireremo soltanto domani mattina.
La vecchia medina portoghese, sonnolenta e affascinante con i suoi bastioni color ocra percorribili tutt’intorno, è stata dal 2004 inserita nell’elenco dei siti Patrimonio dell’Umanità. Bellissime spiagge, animati souq e buoni ristorantini completano il quadro del luogo dove recuperiamo un po’ di energie utilizzate nei giorni passati, caratterizzati da ritmi abbastanza elevati di spostamento in sosta libera nelle città a volte troppo frenetiche.
Il camping municipale di El-Jadida non offre servizi ad alto livello, costa meno di 7 euro al giorno, elettricità compresa, e per soli 46 centesimi di euro permette la doccia calda nei suoi bungalow, così che noi non si debba bagnare e ripulire la nostra sia pur confortevole doccia sul camper.
Il Wanderer va anche lavato: ho chiesto in giro e pare che il costo si aggiri intorno agli 80-100 Dirham (7,30-9,20 euro).
Ieri sera abbiamo mangiato un ottimo fritto di pesce per circa 7 euro in due e ci siamo comperati dei favolosi pasticcini marocchini che costano meno di 6 euro al kg. Questo per darvi un’idea di quanto sia economico il Marocco.
El-Jadida è da godersi finché si è ancora in tempo: pochi passi a nord della città è in via di completamento un imponente progetto turistico chiamato Mazagan, che comprende diversi campi da golf, alcune spa e un certo numero di resort. Si prevedono invasioni di ricchi turisti da tutto il mondo.

El-Jadida




I colori del souq



Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento