The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

12 febbraio 2011

Essaouira, un tocco turistico di troppo

Essaouira doveva essere ancora più bella anni orsono: ora ha un tocco turistico di troppo. Abbiamo cercato di immaginarcela con meno negozi, molti dei quali vendono le solite stesse cose, con meno turisti bianco latte con le ciabatte infradito per le strade; con meno aggressività commerciale dei venditori che sono in troppi rispetto all’afflusso turistico fuori stagione e cercano di agganciarti ad ogni angolo; con meno fastidiosa competizione tra i noleggiatori di cammelli e di cavalli sulla spiaggia, che a forza di insistere e litigare tra loro mi hanno fatto letteralmente passare la voglia di fare una galoppata sulla spiaggia al tramonto. Recupererò in regioni più remote.
Essaouira è una bella città, abitata da molti gabbiani e tappeti colorati, ma la sua fama non è stata del tutto all’altezza delle nostre aspettative, nemmeno fotografiche.
Appartiene a un circuito turistico più commerciale, a nostro avviso, ma comunque vale la pena dedicarci una giornata.
Delizioso ed economico il pranzo nel caratteristico Miyane Resto, un piccolo locale di cucina tradizionale dove con meno di 10 euro abbiamo mangiato benissimo in due.
Lì abbiamo conosciuto Michael e Patricia, una coppia di anziani e amabili inglesi di Cambridge che ci hanno raccomandato il mercato agricolo domenicale di Dra, a circa 25 chilometri da Essaouira, sulla strada interna per Casablanca.
E domani è domenica.

Il gabbiano di Essaouira


Colori nel souq


Sara e le barche blu


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento