The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

2 febbraio 2011

Incontri: Hakmed di Asilah

Nell’atmosfera di Asilah, città culturale e artistica, “splendida e bianchissima città di villeggiatura, pervasa da un’atmosfera che ricorda quella di un’isola greca, dalla medina pulita come una cittadina della svizzera”, Hakmed non deve essere un’eccezione.
In una località famosa per il Moussem (Festival Internazionale della Cultura), le sue gallerie d’arte, e tristemente rinomata per Er-Raissouli, il temuto bandito, rapitore e irriducibile piantagrane degli inizi del ‘900, ladranculo da principio e poi assassino privo di scrupoli, una persona come Hakmed che parla arabo, francese, spagnolo, un po’ di italiano e inglese, non muore mai di fame.
Gli imbonitori in questa stagione sono meno ossessivi che durante l’affollata estate e la droga che sembra circolare a noi non è ancora stata offerta. Hakmed non è tra questi. Lui aspetta lungo la strada a ridosso dell’Atlantico e invita i camperisti a fermarsi nella sua area, forse unica alternativa rimasta ai due campeggi che ora, dice lui, sono chiusi. E’ convincente e logorroico, forse sincero, forse non completamente. Certo furbo e intelligente, come molti da queste parti.
Le sue informazioni finora sono state precise, veritiere e utili.
Grazie Hakmed, che in questo momento notturno riposi e vigili (forse) sdraiato nella tua baracca ai bordi del parcheggio.

L'area di sosta di Hakmed


I colori Assilah













Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento