The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

18 febbraio 2011

Tiznit, finestre azzurre sulla sabbia

Tiznit è una sonnolenta cittadina a sud della Valle del Souss, un’antica medina cinta da mura lunghe cinque chilometri. Ci sono angoli interessanti nelle sue atmosfere color terra e sabbia e vale la pena di una visita.
Noi avremmo voluto pernottare nel camping di Tiznit ma era al completo. Troppi camper in Marocco! E soprattutto troppi francesi che sembrano ricolonizzare questo paese sotto certi aspetti ancora troppo nelle loro mani… J
Abbiamo quindi raggiunto Aglou Plage, quindici chilometri da Tiznit, una lunga spiaggia sull’oceano che è il paradiso per i surfisti. Il bel camping a misura d’uomo con ancora molti posti liberi e il clima del luogo è migliore dell’anonima atmosfera di Agadir. Comunque sia crediamo che la generazione di pensionati camperisti da cui siamo circondati non sempre ispira simpatia. Alcuni sono molto gradevoli e vivaci, molti altri a malapena salutano e si fanno strettamente gli affari loro. Inoltre è una generazione che non conosce le lingue: la maggior parte dei francesi parla solamente la propria lingua (e probabilmente è per questo che vengono volentieri in Marocco), così come i tedeschi e gli italiani. Come fanno a socializzare e a parlare tra loro? Anche la temperatura che alla sera scende intorno ai dodici gradi, non favorisce la vita all’aperto.
Credo che la nostra prossima generazione, forse un poco più poliglotta, renderà la vita in questi camping zeppi di stanziali un poco più piacevole e sociale. Sara ed io veniamo considerati “troppo” giovani e a volte guardati con curiosità, come se si chiedessero: “E questi che ci fanno qua che non sono pensionati…o hippies!?”
E pensionati non lo saremo davvero mai di questo passo…!  J


Finestre azzurre sul muro color sabbia a Tiznit



I nostri vicini di casa con vista sull'oceano ad Aglou Plage



Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti


Nessun commento:

Posta un commento