The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

3 marzo 2011

Merzouga e la sabbia color oro rosato dell’Erg Chebbi

Un posto tanto straordinario non può non essere legato ad una leggenda locale: quando una ricca famiglia rifiutò l’ospitalità a una povera donna e a suo figlio, Dio ne fu  offeso e seppellì l’intera famiglia sotto cumuli di sabbia.
Ogni minima variazione di luce tinge le dune di Merzouga di arancio, di giallo, di rosa o di porpora. Il silenzio - a tratti interrotto dal rumore di motori – si aggiunge al fascino del paesaggio desertico di queste possenti dune che si raggiungono con facilità dalla strada.
Il delizioso camping Ocean des dunes ci ha però riservato una spiacevole sorpresa: il vecchio sterrato – ora la strada asfaltata ci arriva molto più vicino - indicato per raggiungerlo aveva un tratto troppo sabbioso e il Wanderer si è bloccato. Pochi secondi ed ecco comparire i nostri salvatori: un decina di ragazzini molto disponibili a toglierci dall’impaccio, dietro ovvio compenso. In due minuti, con qualche spinta e qualche scavo sotto le ruote, ripartiamo alleggeriti di 100 Dh, circa 9 euro, anche se la richiesta era di un importo doppio: ragazzi, qui bisogna sempre trattare… J







Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento