The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

16 maggio 2011

Cordoba val bene una moschea

Dopo una domenica di lavoro sul lungomare di Màlaga – necessariamente come venditori abusivi – e abbastanza contenti per le prime vendite effettuate (clienti americani e peruviani: gli spagnoli non comprano!), sia pure non ingenti, siamo partiti per un paio di giorni lasciando la città in cui “viviamo” per raggiungere prima Cordoba e poi Granada.
La prima città vanta la meravigliosa grande moschea, uno dei monumenti più belli della Spagna, il ponte romano e non molto altro a nostro avviso. Tra l’altro faceva molto più caldo (circa 30 gradi) che a Malaga. Arrivati a Granada in serata, Sara non è stata molto bene – non si capisce bene per cosa – ma domani sarà certo in forma per visitare l’Alhambra.
Paesaggi spagnoli tra Màlaga e Cordoba

Il ponte romano

La grande moschea di Cordoba




Angoli di Cordoba



Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento