The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

7 maggio 2011

Malaga tra chiari e scuri

Ieri abbiamo dato una prima occhiata a Malaga e dintorni con un cielo poco limpido e una foschia imperante: una luce che non valorizza nemmeno gli angoli più belli. Abbiamo apprezzato il centro con le sue piazze intorno alla bella cattedrale, camminato a lungo nell’Alcazaba e poi su, fino al castello del Gibralfaro per tornare attraverso i lussureggianti giardini che si trovano lungo il Paseo del Parque.
Sfortunatamente la nostra contentezza di base si è spenta alla cattiva notizia che ci è arrivata ieri sera da Jesus: pare che il presunto ultimo posto disponibile nel mercatino sia già stato occupato. Peccato. Sarebbe stato troppo bello aver già risolto un problema. In realtà è sempre un errore illudersi e avere aspettative perché in questo modo si prova l’amarezza della delusione.
L’avventura e la lotta per trovare il luogo dove vivere e lavorare sono appena cominciate.


Il Paseo del Parque e il palazzo dell'Ayuntamiento

Atmosfere arabe all'Alcazaba

Le mura del Gibralfaro

La Plaza de Toros di Malaga: andare ad assistere al crudele spettacolo
(che non esisterà ancora a lungo) o boicottarlo definitivamente?


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento