The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

6 agosto 2011

Alti e bassi


Due giorni consecutivi di sufficienti incassi hanno leggermente sollevato gli animi: se non si lavora nelle settimane centrali di Agosto, notoriamente le più affollate quasi ovunque nel Vecchio (e stanco) Continente, meglio ritirarsi a vita privata.
Per il resto la vita scorre tra incombenze ordinarie, qualche risata con Tony, il nostro vicino di mercato, nell’osservare la fauna che ci passa davanti ogni giorno, qualche invito a pranzo ricevuto da nuovi amici come Jacinto e la moglie colombiana che, per sfuggire al caldo di Còrdova, da moltissimi anni trascorrono l’intera estate vivendo a Màlaga nel loro van parcheggiato con vista mare non lontano dal Wanderer.
I nostri vicini di casa più simpatici.
I nostri colori al Pedregal, Màlaga



Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento