The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

19 agosto 2011

Ultimi giorni a Màlaga

Ultimi giorni a Màlaga, nonostante il programma era di resistere ancora una decina di giorni ai magri incassi serali. Dopo oltre tre mesi e mezzo, ci siamo psicologicamente e fisicamente stancati di investire il nostro prezioso tempo in qualcosa che non ha ripagato se non in minima parte i nostri sforzi. Pazienza, quest’anno è andata così, forse per inesperienza – ma tutti i colleghi non sono soddisfatti di questa smorta stagione estiva – forse per scelte errate, forse perché la crisi è un mostro troppo grande da combattere per chiunque.
Ultimi giorni a Màlaga con qualche nuvola e goccia di pioggia, godendo della compagnia dei pochi amici incontrati, tra cui il sivigliano Jacinto e la moglie colombiana Neri, sempre allegri e nostri vicini di casa con il loro furgone che da anni parcheggiano da queste parti per sfuggire alla calura di Còrdova dove hanno casa. E Tony, l’italo argentino nostro compagno di piccole gioie e delusioni commerciali sul paseo maritimo del Pedregal. E Mari Mar una dolce donna di Chiclana che lavora in campo sociale e cucina magistralmente. E tutti quelli che hanno mostrato un pizzico di umanità, apertura, gentilezza, disponibilità nel mare di ruvida rudezza che s’incontra in questo angolo del mondo.
Alcuni giorni per sistemare e riordinare il Wanderer, superare il week end di traffico intenso, e all’inizio della prossima settimana si riprende la strada ovunque essa ci voglia portare.
La Feria di Màlaga




Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

Nessun commento:

Posta un commento