The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

26 febbraio 2015

Vita in Costa Azzurra


Rieccomi dopo un silenzio durato diciotto giorni.
Cambiamento di scenario: dal 15 febbraio mi trovo a St Jean Cap Ferrat, Costa Azzurra, non lontano da Nizza e dal Principato di Monaco.
Mi è stata (finalmente) offerta un’opportunità di lavoro da queste parti e spero possa essere presto confermata dopo il giusto mese di prova. Mi mancano già molto mia figlia Michela, il mio piccolo Leonardo, i familiari e gli amici, ma questa è la vita e non sappiamo mai dove ci porta il nostro destino.
E’ un lavoro che mi impegna molte ore al giorno ma non appena ho del tempo libero ne approfitto per esplorare questo incantevole angolo di Francia che offre acque azzurre, coste a strapiombo sul mare, villaggi graziosi, città di rilievo e angoli di ricchezza e lusso che non si trovano così spesso in giro per il pianeta. Una nuova avventura, sempre che vi piaccia ancora seguirmi! J
Oggi la Vespa mi ha portato a Ventimiglia, dove l’amato Wanderer è in un luogo sicuro, passando per Beaulieu, il Principato di Monaco, Menton per raggiungere al ritorno Eze, un borgo medievale d’arte e gastronomia.
Bella giornata di sole con alberi in fiore.



In alto il promontorio di St Jean Cap Ferrat dove lavoro.
Sotto Beaulieu e il porto.


Il Pirincipato di Monaco


Un angolo di Menton


Il Casinò di Montecarlo


Psicosi o necessità? Una sicurezza incredibile nel Principato 
di Monaco. Non appena arrivato in Vespa mi hanno fermato 
e controllato i documenti. Se arrivate in Rolls Royce o in Bentley 
non credo che lo faranno... :-) 
E forse vi daranno la cittadinanza onoraria! :-)


Eze, villaggio d'arte e gastronomia


Angoli d'Eze








Alberi in fiore a fine febbraio ad Eze



Ritorno serale "a casa", Cap Ferrat



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento