The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

5 gennaio 2017

Ad Arezzo sono di casa

Si, ad Arezzo sono di casa. Non foss’altro che oltre quarant’anni fa Marco, un mio fraterno amico aretino, ed io ci conoscemmo in quel del Campeggio Etruria nei pressi di Castiglione della Pescaia, dove in quegli anni entrambi passavamo le vacanze con le nostre famiglie. Ragion per cui sono tornato spesso in questa città per passare del tempo con lui e la sua famiglia, e per respirarne le atmosfere medievali e rinascimentali ben accentuate dalle piazze, dai palazzi e delle chiese di altissimo valore artistico.
L’innato senso umoristico e comico dei toscani in generale, e degli aretini in  particolare, è alquanto apprezzabile e palpabile anche nella vita quotidiana. Ciò, non a caso ha permesso a Roberto Benigni, proprio originario di queste parti, di essere stato ciò che è stato. Il suo film “La vita è bella”, premiato con l’Oscar, è stato girato quasi interamente qui.
“Last but not least”: questa è la città che ha visto nascere anche Alessandro, un uomo che, a partire dal lontano 1994, ha contribuito non poco a dare una svolta decisiva e positiva alla mia vita. Dici poco.
Oggi ad Arezzo per qualche minuto ha nevicato mentre il cielo era azzurro e splendeva il sole. Il vento forte che soffiava in quota trasportava la neve che scendeva dalle nuvole distanti sugli Appennini.
Gli aretini guardavano il cielo e dicevano: “Non attacca, non attacca…” J
















Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente.
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento