The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

10 settembre 2017

Nyksund, villaggio abbandonato che rivive

Anche  Lonely Planet dedica uno spazio a sé a questo villaggio di pescatori dall’atmosfera suggestiva e particolare:
“La popolazione del piccolo villaggio di pescatori di Nyksund era già in calo quando, negli anni ’60, chiusero la panetteria e l’ufficio postale, cuore di ogni comunità. Così, nel 1975, dopo che una tempesta distrusse buona parte della cittadina, quasi tutti gli abitanti rimasti decisero di andarsene. Quando anche l’ultimo residente, il fabbro del villaggio, fece i bagagli, nel villaggio calò il silenzio, e pecore e vandali presero il sopravvento.
Per molte comunità rurali europee una situazione come questa rappresenta spesso la fine, mentre per Nyksund non fu che l’inizio di un’incredibile ripresa. Nel corso dei decenni, infatti, la vita è tornata lentamente a scorrere in questo paesino remoto e incantevole, rinato a nuova vita come colonia di artisti. I vecchi edifici in rovina e le strutture commerciali sono stati fedelmente restaurati e oggi Nyksund può contare su una popolazione estiva di una sessantina di persone e su una mezza dozzina di coraggiosi che affronta anche i suoi rigidi inverni”.
Ed in realtà il fascino di questo ex villaggio di pescatori, e ora di artisti, è indubbio. Con la sua solitaria desolazione, il suono del vento e dei gabbiani che, come quasi sempre da queste parti, sono gli abitanti più vistosi e chiassosi.



In arrivo a Niksund, Langøya, Isole Vesterålen



Il porticciolo di Nyksund ormai privo di pescherecci



Pontili e affascinanti case di legno


Uno dei pochi negozietti del villaggio







Nyksund non è proprio affollato né preso d'assalto dal turismo: 
questo è parte del suo fascino





Il giorno seguente la luce del sole ne ha illuminato i colori













Cliccate sulle foto per ingrandirle ed apprezzarle maggiormente.
Molte più foto sono nel mio spazio in Facebook.
Chi desidera visionarle mi chieda il contatto specificando il motivo “fotografico”.
Grazie.



Altri link dell’autore:

Il canale in You Tube dove trovare tutti i minivideo di Gentleman Gipsy:

La pittura:

Le foto di“pop art”: curiosità, stranezze e poesia del mondo come lo vedo io:

I libri pubblicati:

Nessun commento:

Posta un commento