The Wanderer (1885)

The Wanderer (1885)
Alla fine dell’800 in Gran Bretagna esisteva un tiro a due cavalli chiamato The Wanderer (il vagabondo, il viandante), considerato il precursore dei veicoli ricreazionali, gli attuali caravan e autocaravan. Il dottor William Gordon Stables, un medico di origini scozzesi, commissionò la costruzione di questo veicolo ritenendo la vita itinerante all’aria aperta benefica per la salute, e nel 1885 ricoprì oltre duemila chilometri dalla sua casa di Twyford nel Berkshire per giungere alla città di Inverness in Scozia. A bordo di questi affascinanti veicoli iniziarono così a viaggiare altri gentlemen-gipsies, gentiluomini zingari, dando origine alle prime esplorazioni plenair accompagnate da un indubbio spirito di avventura. Un sogno anche per noi che abitiamo in un mondo (oggi come ieri) costellato da fili spinati, frontiere e burocrazia soffocante. Il mio blog e il libro che ho scritto sono dedicati a quegli uomini come un personale contributo, un inno di libertà, all’utopica libera circolazione degli esseri umani su questo meraviglioso pianeta.

1 aprile 2011

Buon compleanno Sara!

Oggi è il compleanno di Sara e come regalo la sua caviglia sta meglio!
Inoltre ieri siamo partiti da Fes e ci siamo fermati al centro commerciale Marjane per acquistare la mamma di Eve – se qualcuno si perso i post precedenti, Eve è il nostro piccolo termoventilatore – una lavatrice di piccolissime dimensioni che ci occupa solo una parte della doccia e ci farà risparmiare, lo speriamo, qualche fatica nei lavaggi a mano e qualche soldo nei lavaggi a pagamento. Un bel regalo, in verità per entrambi, che è costato solo 40 euro: vi sapremo dire se funziona (è di fabbricazione turca pare, non cinese… J)   
Dopo una visita a Taza, nella piacevole piccola medina non turistica e circondata da bastioni sulla collina, abbiamo goduto dei verdi paesaggi di questa parte del Marocco superando Guercif e Taourirt fino al bivio che volge a nord in direzione di Nador e Melilla, insieme a Ceuta una delle città spagnole del Marocco.
Questa notte sosta libera in un grande spiazzo alle porte di Hassi Berkane, a soli 40 chilometri dell’enclave spagnola che visiteremo con il cielo azzurro e il sole di oggi.

Sulla strada per Taza


Moschea chiusa ai non musulmani, come quasi tutte, a Taza


Per visualizzare le foto in dimensioni maggiori cliccare sull’immagine. Chi fosse interessato a vedere altre fotografie del viaggio ci chieda amicizia in Facebook cliccando qui : www.facebook.com/eliseo.oberti

1 commento:

  1. Tante angurie Sara!
    e buona continuazione...
    Saimo & Ele

    RispondiElimina